You are here: Home GREGORIAN Theologia Agire di Dio e libertà dell’uomo

GBPress.net Gregorian & Biblical Press

Il tuo carrello

Il carrello è vuoto.

Agire di Dio e libertà dell’uomo

E-mail Stampa PDF

Renczes Philipp G.

Agire di Dio e libertà dell’uomo

Ricerche sull’antropologia teologica di san Massimo il Confessore

“Theologia” 15

2014, pp. 436

978-88-7839-298-4

€30.00
Acquista




 

La presente ricerca che prevede l’articolazione del rapport di divinizzazione tra Dio e l’uomo a partire dai poli fondamentali espresso da energia (ἐνἑργεια) e capacità ricettiva (ἒξις) si articolerà in una sorta di trittico imposto dalla struttura tripartita dell’essere, l’essere, l’essere bene e l’essere-bene-sempre, indicata da Massimo stesso. In una prima parte, svilupperemo il polo dell’ἐνἑργεια per mettere in evidenza la dimensione ontologica, l’essere della relazione tra Dio e l’uomo, la seconda parte sarà incentrata sulla dimensione etica, l’essere-bene, che esprime il rapporto tra Dio e l’uomo a partire dal polo dell’ἒξις, la terza parte, infine, metterà in luce la dimensione cristo-pneumatologica della divinizzazione che mostra il ruolo congiunto dell’ἐνἑργεια e dell’ἒξις nell’accesso all’essere-bene-sempre. In Massimo il Confessore le dimensioni ontologica e cristologica si accavallano, il suo interesse per un’inchiesta ontologica ha sempre avuto come ragion d’essere la risposta ad un interrogativo sulla natura umana di Gesù Cristo che ha manifestato il fine di ogni uomo: la propria divinizzazione, cioè diventare simile a Gesù Cristo. Il presente studio mette in evidenza la “struttura della condizione umana” che, secondo il Confessore, caratterizza ogni cristiano chiamato a seguire Gesù Cristo nella e attraverso la sua libertà e che avvicina ma anche ma anche differenzia l’uomo dalla condizione di umanità di Cristo nell’unione ipostatica.

 

Philipp G. Renczes SJ è professore della Facoltà di Teologia della Pontificia Università Gregoriana   e professore invitato presso il Pontificio Istituto orientale e l’Istituto Patristico Augustinianum. Dal 2011 dirige il Centro Cardinal Bea per gli studi giudaici nella Pontificia Università Gregoriana. Tra gli scritti pubblicati: L’apporto di Massimo il Confessore a una precisazione dell’antropologia teologica dei Padri, Roma (2002); L’emergenza educativa secondo i Padri della Chiesa, Roma (2008); L’interiorità agostiniana: un concetto dualistico?, Napoli (2011); The Scope of Rahner’s Fundamental Axiom in the Patristic Perspective: A Dialogue of Systematic and Historical Theology, London/New York (2012)

 

 

 
Powered By JFBConnect


Network



Centro Assistenza

DOVE SIAMO
Piazza della Pillotta 35
Visualizzazione ingrandita della mappa
Visualizzazione ingrandita Street View

Non esitare a contattarci per ogni informazione o dubbio